giovedì 14 aprile 2011

Monte Tondo (mt.1780)

Se la zona di Monte Tondo fosse nel comprensorio delle Dolomiti, probabilmente sarebbe conosciuta ovunque e valorizzata ampiamente, però per sua sfortuna (o fortuna..) trovandosi fra la Garfagnana e la Lungiana, sul crinale che dal Passo del Cerreto sale verso Est,  rimane una zona escursionistica poco conosciuta, nonostante la sua bellezza.



Per raggiungere la cima e il rifugio omonimo poco più in basso possiamo salire dai Prati di Tea, bivio sulla sinistra  della strada che dal Monte Argegna scende a Giuncugnano oppure poco prima del paese di Ponteccio, anche qui bivio sulla sinistra. In entrambi i casi si arriva al rifugio tramite una strada forestale che attraversa la bellissima foresta di faggi,  e dista 9 km dal bivio per i Prati di Tea e circa 6 km dal bivio per Ponteccio. Se volete raggiungere la cima quindi sappiate che vi aspetta un'escursione di una giornata e che richiede un discreto allenamento.

Prato di crocus verso il Monte Prado

Le Apuane
















Già dagli ultimi tornantini prima del Rifugio Monte Tondo la nostra fatica viene appagata dalla vista che arriva fino al golfo di Spezia e sulle principali vette delle Apuane.

Il golfo della Spezia con l'isola della Palmaria e l'isola del Tino visti da Monte Tondo


L'ultima neve e il sole che si riflette sul mare. Solo in Lunigiana...















Chi arriva al rifugio se ha ancora forza può salire sulla cima del monte e godere di una vista a 360° oppure in 2 ore e mezza circa si può arrivare sul Monte La Nuda sopra a Cerreto Laghi. Ma molto belle anche le escursioni fino al Passo di Pradarena o ridiscendere fino al Passo Peci poco sopra a Fivizzano.

Verso il Monte La Nuda e il Cerreto
Le cime delle Alpi Apuane
 A chi non c'è mai stato consiglio di andarci almeno una volta in qualsiasi stagione, d'estate a fare un pic-nic e a raccogliere i mirtilli, d'autunno quando ci sono i colori migliori, d'inverno per fare una gita  con le ciaspole o in primavera (come ho fatto io) quando sui prati spuntano i crocus.

Panorama verso la Garfagnana


Il crinale dell'Appennino con Cima delle Tre Potenze, Cima Belfiore, La Nuda e il Gendarme
















Ho notato che sono stati eseguiti lavori di restauro al rifugio e una ex stalla lì vicino. Spero che presto venga aperto al pubblico e finalmente la zona abbia la giusta visibilità, mantenendo sempre il fascino che lo contradistingue.

I due faggi secolari al limite del bosco e le Panie sullo sfondo


I crocus sul prato annunciano la fine dell'inverno..

5 commenti:

  1. Grazie, davvero un posto raro.

    RispondiElimina
  2. E' un bel posto facile da raggiungere ma poco conosciuto

    RispondiElimina
  3. Grazie per il Dritto. E un pezzo degli Appennini cho non ho mai pensato di vistare. Sono arrivato vicino a Belfiore e La Nuda.

    Complimenti per il Blog

    Nigel Voak

    http://nigelvoak.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti! Se capiti da quelle parti vacci perchè ne vale veramente la pena, bellissimo anche in inverno!

      Elimina
  4. il rifugio onte tondo è aperto 7 giorni su 7 pranzo e cena con specialità a km0 cucinate dalla cuoca bravissima angela! lo consiglio a tutti questo rifugio.. gli altri rifugi al confronto sono ristoranti self service scadenti!! al rif: tondo tutta qualità!

    RispondiElimina